.
Annunci online

vocidipopolo
Un blog di nicchia


Diario


3 giugno 2008

RECENSIONI/ SAGGISTICA DI ATTUALITA'



Si stima che al mondo ci siano tra i 12 e i 15 milioni di rom e finora nessuno è mai riuscito ad individuarne uno che non sia un delinquente. Il Libro nero dei rom è una raccolta, ragionata e selezionata, di oltre cento saggi scritti negli ultimi cento anni da quotidiani autorevoli come "il Giornale", "Libero", "La Padania", e telegiornali come il TG5, TG4, TG1 e TG2 che dinostrano in modo incontrovertibile le reali origini e le gesta criminali del cosidetto "popolo rom", fatte esclusivamente di scippi, borseggi, rapine, ratto di bambini, furti e disumanità varie, commesse in tutti gli stati che hanno avuto la sfortuna di ospitare questa gentaglia. Il Libro svela in una nuova luce storica e antropologica le origini, le gesta e il futuro di una etnia nata per delinquere, e dedita esclusivamente al furto e al rapimento di bambini. Ecco allora la verità, senza tentennamenti ed eufemismi, a cominciare dal famoso cromosoma Y presente nel loro corredo genetico che, lungi dal dimostrare la loro origine indiana come vuole la storiografia ufficiale, contaminata dal politicamente corretto, è in realtà la prova della loro indole genetica che li spinge inevitabilmente a rubare, come dimostra l'illuminante saggio del dottor Fuckrom, infermiere specializzato all'ospedale per bianchi di Whitepower, Arizona. Il libro fa giustizia di tutta una serie di menzogne e falsità come ad esempio il presunto olocausto che sarebbe stato perpetrato da nazisti ai danni dei rom. Secondo il bellissimo saggio dello storico tedesco Otto Mengele è esattamente il contrario: "furono infatti i rom ad organizzare agguati e stragi pianificate e portate a termine senza pietà ai danni di inermi battaglioni delle SS che pacificamente si aggiravano a scopo turistico in Polonia, Cecoslovacchia e nelle repubblice baltiche". E ancora: una grande inchiesta di Mario Borghezio pubblicata dalla "Padania", in cui si dimostra come "I rom hanno rubato, rubano e ruberanno sempre, specialmente i bambini che poi smontano per usare i loro organi come condimento per l'insalata" sulla scia del grande sociologo Richard Bullshit che ha dedicato allo studio sui rom tutta la sua inutile vita. Il libro nero sui Rom è un titolo immancabile nella liberia di qualsiasi democratico che ragiona con la sua testa e non è disposto a farsela dare a bere dalle verità buoniste propalate ad arte.

Autori vari
IL LIBRO NERO DEI ROM
Edizioni Ariane
780 pagg. 30 euro




Alla fine del ventunesimo secolo l'Europa sarà una provincia dell'immensa repubblica cinese comunista e gli europei saranno deportati in massa nelle fabbriche della regione del Guandong a lavorare per produrre beni di lusso per i ricchi cinesi residenti in Europa. E' questa la verosimile previsione di Adrian Borghezios e Frank Calderol, due elettricisti che hanno dedicato tutti i loro weekend allo studio dell'immenso continente cinese e dei loro abitanti, ricavando preziose conferme a quelli che si ritenevano, a torto, i più triti luoghi comuni, costituendo invece precise ed orrorifiche pratiche in uso da millenni nella loro cosiddetta "cultura". Ad esempio, la spiegazione dei misteriosi "funerali cinesi" che in Occidente non si vedono mai. "I cinesi muoiono come gli altri - scrivono i due studiosi - non è vero che sono immortali, il fenomeno è in realtà molto semplice: per confezionare i miliardi di involtini primavera e di ravioli alla griglia e al vapore, che ogni giorno vengono serviti sulle tavole di tutto il mondo, i cinesi usano i cadaveri dei loro connazionali morti, risparmiando così nell'acquisto delle materie prime e neile spese per i funerali". Il libro fornisce un'analoga spiegazione anche per i negozi cinesi che sempre più frequentemente appaiono nelle nostre città offrendo merce che non interessa a nessuno e apparendo sempre vuoti e antieconomici. I due autori affermano, con sprezzo del pericolo costituito dalle ire della storiografia ufficiale e del buonismo imperante, quello che in realtà molti pensano: i cinesi oltre a mangiarsi tra di loro non sanno fare un cazzo e i loro negozi del cazzo ne sono la dimostrazione più evidente". Dalla cina con orrore è il saggio che mancava sulle vostre librerie bianche, un titolo immancabile per ogni vero democratico difensore dei valori dell'occidente.

Adrian Borghezios, Frank Calderol
DALLA CINA CON ORRORE
Editoriale dello Spadone
150 pagg, 15 euro




"Si inginocchiano su luridi tappeti sporchi, si vestono con le lenzuola e si mettono la tovaglia da pranzo in testa, si sodomizzano schifosamente tra di loro mentre si sposano più volte solo per ridicolizzare il matrimonio occdidentale, credono in un dio che è una macchietta e aspettano un paradiso dove trombarsi 70 e passa vergini in mezzo ai ruscelletti, offendendo tutti i santi e i morigerati del mondo. E il bello (si fa per dire) è che vengono qui, ci fanno saltare per aria e dicono che siamo noi i corrotti. Che altro devono fare i musulmani affinché l'occidente si renda conto che sono un pericolo mortale da affrontare nella manierà più radicale?" Da questo interrogativo parte il phamplet di Smith & Wesson, docenti di storia revisionata e tagliandata all'università di Bullet Guns, nello stato americano dell'Indiana, nonché eccellenti collaboratori del "Foglio" di Giuliano Ferrara, che mette in fila tutte le anomalie della religione islamica, dimostrando senza timore e tatticismi accademici, come questa sia incompatibile con l'essere umano e come i musulmani siano, al pari della gramigna, un popolo da estirpare in profondità. "Li abbiamo lasciati fare per tanto tempo e il risultato adesso è che ci sono addirittura interi stati musulmani basati sulla blasfemia e sull'incularella reciproca". Cosa fare, allora? "Niente paura - dicono Smith & Wesson - gli stati musulmani vanno innaffiati con congrue bombe atomiche affinché si pialli tutto il terreno e le radiazioni garantiscano che laggiù, per il momento, solo agli scarafaggi sia consentito di organizzarsi socialmente". un Mondo senza turbanti è un phamplet scomodo, duro, intransigente, ma che ha il pregio di dimostrare come sia necessario per le democrazie occidentali affrontare con giusto piglio i problemi internazionali. Preziosa prefazione di Giuliano Ferrara. Postfazione di Marcello Pera. In calce una "Preghiera per l'estinzione" di Joseph Ratzinger.

Lawrence Smith e Jim Wesson
UN MONDO SENZA TURBANTI
Edizioni Tomahawk
100 pagg, 10 euro

sfoglia     maggio        luglio
 
 




blog letto 1091336 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Dillo in sintesi
Il popolo deve sapere
Ultim'ora
Guest Star
Recensioni
Songs for the masses
Dieci motivi
Bassa Società

VAI A VEDERE

Artefatti
Bengodi City
Ben Foggia Nius
Chiare Lettere
Daniele luttazzi
Difesa dell'informazione
Fratelli d'Italia
Ghostwritersondemand
Giornalettismo
Il Barbiere della Sera
Il Blog di Gago
Il (magico) mondo di Galatea
Le Rane nel blog
Luca Bottura
Malvino
MInimo Karma
Personalità confusa
Raccapriccio della stampa
Roberto Corradi
Sabelli Fioretti
Selvaggia Lucarelli
Spinoza
Pulsatilla
Travaglio, Gomez, Corrias al loro meglio
Rossa naturale
Vinicio Capossela


Voci di popolo



Il problema non è se siano vere o false. 
Il problema è che siano verosimili.

Contatti:
zannieroCHIOCCIOLAkatamailPUNTOcom

DELIRI PIU' O MENO ORGANIZZATI
Berlusconi in concerto
La legge del Cav/ 2
La legge del Cav


SPOT, SONDAGGI E CAMPAGNE DI COMUNICAZIONE
Summer card Saccà
Schifangel
Giustizia: la campagna del governo
Sondaggio: La grazia ad Annamaria Franzoni
Test: quanto sei "piddino"?
Volevo lavorare a Libero


LE VOCI DI POPOLO:
I Love my roman radio
Lettera a Schifani
Benvenuto a Roma, caro Bush
Rifiuti tossici ma convenienti
Ronde notturne
All'armi siam leghisti
Un'altra sinistra (anche riformista) è possibile
Incubo Calderoli
Privacy
Come si scrive un pezzo cazzuto di cronaca
Discorsi da spiaggia
Taci, il maresciallo ti ascolta
Afghanistan
Tema di attualità
Quel politico in barca coi trans
Sogni
Geni televisivi
Casa Democratica
Casa Democratica/2
Voglio gli agenti della Cia sotto processo
Chi viene alla manifestazione di Vicenza?
Tutto il massacralcio minuto per minuto
Bastismi
Cocaina
Se(r)vizio pubblico
Erba
Napoli
Ecco il nuovo Windows Vista
Un travestito in Finanziaria
Rula, tocca a te!
Una profezia (l'insostenibile instabilità della sinistra).
Idee chiare sul Partito Democratico
Importante scoperta scientifica
L'appiccico delle lavandare
Telefonia moderna
Telefonia moderna/ 2
Dio c'è
Ratzinger chiede modifiche
Jerry
Sesso con Sottile
La morte di Al Zarqawi
Schiena dritta
Prossimamente al cinema
L'aereo di Ustica va al museo
In difesa del calcio/ 1
In difesa del calcio/ 2
In difesa del calcio/3
Italian secret service
Italian secret service/ 2
Materazzi e Zidane/ 1
Materazzi e Zidane/ 2
Pranzo al G8
La Grande coalizione
Il Nuovo Oriente
La conferenza sul Libano
Indignazioni popolari
La tragedia del lifting
Eleonora Figacchione ci fa causa
Eleonora Figacchione: intervista riparatrice
Appuntamenti
Autocode per l'Italia

INTERVISTE
Il Prof Negromonte e il calcio italiano
Francesco Rutelli
Gianni Alemanno

GUEST STAR
Scrivono orgogliosamente per noi
Antonio Polito
Ferdinando Adornato
Claudio Petruccioli
Piero Sansonetti
Vittorio Feltri
Carlo Lucarelli
Giorgio Bocca
Beppe Grillo
Marco Travaglio
Mario Adinolfi
Maurizio Costanzo
Maria Laura Rodotà
Paolo Mereghetti

RECENSIONI
Patologie genetiche e croniche
Libri
Libri/ 2
Libri/ 3
Libri/ 4: Noir
Libri/ 5 Management
Libri/ 6 Thriller storici
Libri/ 7 Saggistica di attualità
Correnti di pensiero politico
Sistemi elettorali
Viaggi di tendenza
Dischi
Dischi/2 Antologie
Motociciclette
Vini
Moda
Ristoranti
Stasera in tv/ 1
Stasera in tv/ 2
Stasera in tv/ 3

CANZONI INTONATE
La società della Mediaset
Il Riformista
Ritornerai
Sanremo 2008: i testi/ 4
Sanremo 2008: i testi/ 3
Sanremo 2008: i testi/ 2
Sanremo 2008: i testi
Loredana Lecciso: Dammelos
Dammelos. I testi/1
Dammelos. I testi/ 2
Sanremo: i testi/3
Sanremo i testi/ 2
Sanremo i testi/ 1

SEX IN THE CITY
Gang bang
La caccia
Master and servant
La piscina birichina
L'orgia elettorale

ANNUNCI GOOGLE
Uno
Due
Tre
Quattro
Cinque


CERCA